comunale

Regolamento

PARTITO DEMOCRATICO
COORDINAMENTO PROVINCIALE DI VENEZIA
REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELLE ZONE
A seguito del 1° congresso provinciale e come indicato sia nella relazione che nelle conclusioni dal Segretario provinciale, il Partito Democratico della provincia di Venezia si articola anche per zone.
Compito delle zone è coadiuvare la Segreteria e la Direzione provinciale nell’elaborazione delle linee di indirizzo politico organizzative nel territorio della provincia di Venezia.

Art. 1 – Identificazione territoriale.

  1. Le zone in cui è articolato il PD della provincia di Venezia sono:
  • AREA SUD – Comuni di Chioggia, Cona, Cavarzere;
  • AREA DELLA RIVIERA DEL BRENTA – Comuni di Campagnalupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Strà, Vigonovo
  • AREA DEL MIRANESE – Comuni di Martellago, Mirano, Noale, S. Maria di Sala, Salzano, Scorzè, Spinea
  • AREA DEL SANDONATESE – Comuni di Cavallino – Treporti, Ceggia, Eraclea, Fossalta di Piave, Jesolo, Meolo, Musile di Piave, Noventa di Piave, S. Donà di Piave, Torre di Mosto.
  • AREA DEL PORTOGRUARESE – Comuni di Annone, Caorle, Cinto Caomaggiore, Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Gruaro, Portogruaro, Pramaggiore, S. Michele al Tagliamento, S. Stino di Livenza, Teglio Veneto.
  • AREA DI MARCON, QUARTO D’ALTINO – Comuni di Marcon, Quarto d’Altino.
  • AREA DEL COMUNE DI VENEZIA – Il Comune di Venezia viste le dimensioni e le caratteristiche del suo territorio ed essendo già organizzato come Unione comunale utilizza questo organismo come riferimento d’area.

Art. 2 – Gli organismi di zona.
1. Le zone, così come identificate all’art. 1 del presente regolamento, hanno quali organismi dirigenti:

  • – l’assemblea di zona;
  • – la/il segretaria/o di zona.

Art. 3 – Modalità di composizione ed elezione degli organismi di zona.
1. Ogni assemblea di zona, ad esclusione di quella di Venezia, è composta da:

  • a. i componenti all’assemblea provinciale eletti nei congressi di circolo dei comuni interessati;
  • b. i componenti di diritto dell’assemblea provinciale iscritti nei circoli territorialmente afferenti;*
  • c. i Segretari dei circoli e comunali che non siano già componenti l’assemblea provinciale;
  • d. i Vicesindaci iscritti al PD dei comuni nei quali il Sindaco appartiene ad un altro partito; e. i Capigruppo iscritti al PD dei consigli comunali dove si è all’opposizione;

2. L’assemblea di zona potrà infine essere integrata da una quota pari al massimo al 5% dei componenti, così come sopra identificati, scelti dall’Assemblea stessa per competenze o ruoli ricoperti in enti, aziende o società pubbliche.
3. Nella loro prima convocazione, effettuata dal Segretario provinciale, le assemblee di zona eleggono una/o Segretaria/o di zona. Possono candidarsi a Segretaria/o di zona tutti gli iscritti di quel territorio che raccolgano la sottoscrizione di almeno il 20% dei componenti l’assemblea di zona. Nel caso di unica candidatura si procede all’elezione per alzata di mano. Con più candidature si procede all’elezione a scrutinio segreto tra i candidati. Se nessuno dei candidati raccoglie il consenso della maggioranza assoluta dei voti validamente espressi, si procede, sempre a scrutinio segreto, ad un turno di ballottaggio tra i due candidati che abbiano ottenuto il maggior numero di preferenze. Risulta eletto il candidato che abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti validamente espressi.
4. L’Assemblea di zona è convocata e presieduta dal Segretario di zona o dal Segretario Provinciale.
5. Ad integrazione di quanto previsto dai commi precedenti, ogni zona potrà, su proposta della/del Segretaria/o di zona, dotarsi di un modello organizzativo per meglio corrispondere alle proprie esigenze di lavoro, anche prevedendo ulteriori organismi.

Art. 4 – La zona di Venezia
1. In difformità da quanto stabilito all’art. 3 del presente regolamento, gli organismi della zona di Venezia coincidono con quelli dell’Unione Comunale di Venezia.

Art. 5 – Norme finali.
1. Eventuali modifiche al presente regolamento o circolari esplicative sono di competenza della Segreteria Provinciale.

*Nota:

Ovvero

  • I/le Parlamentari iscritti in un circolo della Provincia di Venezia;
  •  I/le Consiglieri/e regionali iscritti in un circolo della Provincia di Venezia;
  • I/le Sindaci/che dei comuni della Provincia di Venezia iscritti/e in un circolo della Provincia

Un pensiero su “comunale”

I commenti sono chiusi.

Partito Democratico METROPOLITANO

Vai alla barra degli strumenti